Accumulo per il fotovoltaico, meglio “tutto in uno” o componibile?